TRANSfemmINonda 3.37 – Campeggia is back again!

Eccoci a presentare il programma della terza Campeggia ecotransfemminista multispecie attraverso le voci di chi ha partecipato al processo di costruzione collettiva delle laboratorie e delle attività che si svolgeranno ad Agripunk tra il 17 e il 24 luglio

 

Ultima puntata di TRANSfemmINonda. Qui potete ripercorrere tutto il cammino fatto in questa stagione.

Partecipano Malis, Elisa, Romina, Eva e Dez dell’assemblea transterritoriale Corpi e Terra che da tre anni organizza le campegge ecotransfemministe antispeciste

Maria Luisa Pirritano, x noi Malis, attraversa a Roma spazi di autogestione, lavora come danza terapeuta e gestaltista in dimensioni di crescita personale e di gruppo. Ci presenta la laboratoria di consapevolezza e gioco creativo io sento – noi siamo.

Elisa Gavazzi sarta, cuoca curiosa, divoratrice di libri, vegana è persona altamente sensibile ed in continua evoluzione. Fa parte anche di NUDM Prato e del neonato Collettivo corpi dal margine che cura e custodisce insieme ad altrə compagnə di Pistoia. In questa puntata ci parla della laboratoria Abito nido che si svolgerà domenica 24 a cura di Elisa e Romina

Romina Tassinari è un’artista visuale argentina. Fa ponte costantemente con esperienze di lotta oltre il charco, quell’oceano che non ci divide ma sempre più ci unisce nelle lotte. Alla campeggia presenta i documentari del ciclo “Storie Dovute” – Historias Debidas. Storie di persone in relazione con la comunità di cui sono parte, storie con forte peso di vissuti dove l’AUTODETERMINAZIONE é stata la chiave per creare nuovi rapporti sociocomunitari e politici. Historias debidas è una delle serie più prestigiose della televisione pubblica argentina. Scritta e diretta dalla giornalista e documentarista Ana Cacopardo, la serie mette in luce le principali problematiche sociali e dei diritti umani in Argentina e America Latina dal 2000.

Sempre alla campeggia faciliterà anche la performace laboratorio Utopie su Pañuelos la ricreazione di una narrazione ispirata al mito “le donne stelle” della cultura Mocoví, del centro nord del territorio che oggi si conosce come Argentina. Un’attività collettiva e partecipativa finale ci porterà a disegnare grazie ai “proiettori precari” le nostre utopie in un murales luminoso di pañueli

Eva Sassi Croce, in arte Eva de Adamo. Ha iniziato ad essere giovane negli anni’80 e non ha ancora smesso. È Tj e artista visuale e rumorista, biciclistə antispecistə e transfemmista radicale. Alla campeggia arriverà con Il suono del silenzio grazie all’utilizzo di tre campane di cristallo, presenterà la videoistallazione che racconta la vita ad Agripunk, il momento ludico di karaoke e Tj set… e molte altre sorprese

Desirée è la belva, unica tra noi, abitante del rifugio Agripunk da dove segue e pratica l’antispecismo e tutte le lotte di liberazione. Ha dato vita con David, il suo compagno a questo rifugio che è anche uno spazio sociale multispecie intersezionale ad Ambra, in provincia di Arezzo. Lo spazio che Agripunk da 8 anni cura e migliora è quello di un ex allevamento intensivo di tacchine da carne di Amadori funzionante ed attivo fino al 2014 fatto chiudere con una campagna di pressione. Agripunk ha da poco pubblicato Il libro che racconta le storie di resistenza e liberazione delle persone (animali umani e altri animali) che vivono ad Agripunk.

Dez e David sono superfelici di ospitare nuovamente la campeggia, ce ne racconta la storia nelle visite al luogo che faremo, seguirà il lavoro delle persone che vorranno dare una mano come volontarie, ci accompagnerà nella visita all’orto di Patrizia, nei laboratori di produzione di formaggi vegani e in molto molto altro

Mari oltre ad essere la persona che ha condotto i programmi di TRANSfemmINonda e QUEERzionario di questa stagione è una persona estremamente fluida in continua transFORMAZIONE. Ne raccontano le rigidità ma è facile alle contaminazioni quando superano la selezione naturale delle sue convinzioni! Di origine pugliese offre corsi gratuiti di pugliese e quindi di shwa anche on line visto che il dialetto pugliese è da sempre inclusivo.

Presenta la laboratoria Assalto RadioATTIV3 per costruire insieme un podcast e fare radio dalla campeggia e la performance “Non sono una signora o l’euforia non binaria” che porta con Eva e Valentina alla campeggia di quest’anno.

Il 23  luglio ci sarà la giornata aperta che potrà essere seguita anche online che continua il percorso della laboratoria per l’autodeterminazione e la liberazione. Alla sera pizzata di autofinanziamento e la presentazione di Killing me softly a cura di Nitx

Dalla redazione di TRANSfemmINonda GRAZIE a tutte le persone che ci hanno letto, ascoltato e seguito e ricordate … per fare proposte potete scrivere a transfemminonda@radiosonar.it

 

TRANSfemmINonda del 25/06/2022 – Campeggia is back again!

  • Peter Gabriel – Games Without Frontiers
  • En Memoria de Lo Acontecido Marina Baigorria, Diego Gandolfo, Carmen Donneys & Silvana Jara

  • NOFX – Generation Z

 

Leave a Comment

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com